Vuoi leggere la recensione di “Resto qui” di Balzano? Leggi la recensione di “Resto qui” di Balzano.

“Resto qui” di Balzano leggi la recensione

 

 

Titolo: Resto qui
Autore: Marco Balzano
Genere: Narrativa
Editore: Einaudi
Pagine: 184
Prezzo: Euro 18,00
Prezzo e-book: Euro 9,99

 

 

Quando arriva la guerra o l’inondazione, la gente scappa. La gente, non Trina. Caparbia come il paese di confine in cui è cresciuta, sa opporsi ai fascisti che le impediscono di fare la maestra. Non ha paura di fuggire sulle montagne col marito disertore. E quando le acque della diga stanno per sommergere i campi e le case, si difende con ciò che nessuno le potrà mai togliere: le parole.

 

 

L’acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Sul fondale giace il mistero di Curon. Siamo in Sudtirolo, terra di confini e di lacerazioni: un posto in cui nemmeno la lingua che hai imparato da bambino è qualcosa che ti appartiene fino in fondo. Quando Mussolini mette al bando il tedesco e perfino i nomi sulle lapidi vengono cambiati, allora non resta che scegliere le parole una a una per provare a raccontare.

 

 

Trina è una giovane madre che alla ferita della collettività somma la propria: invoca di continuo il nome della figlia scomparsa. Da allora non ha mai smesso di aspettarla, di scriverle nella speranza che le parole gliela possano restituire. Finché la guerra viene a bussare alla porta di casa. E Trina segue il marito disertore sulle montagne, dove entrambi imparano a convivere con la morte. Poi il lungo dopoguerra, che non porta nessuna pace.

 

 

E così, mentre il lettore segue la storia di questa famiglia e vorrebbe tendere la mano a Trina, all’improvviso si ritrova precipitato a osservare, un giorno dopo l’altro, la costruzione della diga che sommergerà le case e le strade, i dolori e le illusioni, la ribellione e la solitudine.

 

 

“Resto qui” di Marco Balzano (vincitore del premio Campiello 2015, Finalista al Premio Strega 2018 e Vincitore Premio Bagutta 2019) è un romanzo che rapisce il lettore sin dalle prime pagine. Mentre Trina scrive alla figlia scomparsa e ci fa provare sulla nostra pelle la sua disperazione. Ci racconta anche la sua forza nel resistere e andare avanti nonostante tutti gli accadimenti tragici.

 

 

Il romanzo ha una prosa semplice ed essenziale che mette sempre in risalto gli stati d’animo della protagonista e li fa sentire propri. E’ impossibile restare insensibile a tutto quello che accade ed è veramente accaduto a Curon, in Val Venosta, nel periodo fascista e dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale (uno dei periodi storici più bui e tristi della nostra epoca).

 

 

“Resto qui” è un romanzo che sicuramente arricchirà il lettore e farà guardare con un occhio diverso la torre del campanile, che vediamo in tantissime immagini e in tante fotografie. E finalmente gli renderà quella giustizia e quel rispetto che hanno avuto gli abitanti di quella vallata ormai sommersa, che fino all’ultimo hanno cercato di resistere con una profonda dignità all’inevitabile.

Barbara Piergentili

 

 

“LE COSE CHE BRUCIANO” DI SERRA LA RECENSIONE