Vuoi leggere la recensione di “Lux” di Eleonora Marangoni? Leggi la recensione di “Lux” di Eleonora Marangoni.

“Lux” di Eleonora Marangoni leggi la recensione

Titolo: Lux
Autore: Eleonora Marangoni
Genere: Narrativa
Editore: Neri Pozza
Pagine: 251
Prezzo: Euro 17,00
Prezzo e-book: Euro 9,99

Ci sono molti modi di trasformare qualcuno in un fantasma, e Thomas Edwards si è scelto il suo. La sua vita non ha proprio niente che non va: Tom è un giovane italoinglese di buona famiglia, che abita a Londra e viaggia spesso per lavoro. Architetto, gestisce con successo uno studio di light design, e da quasi un anno fa coppia fissa con Ottie Davis, una chef in carriera con un figlio di sette anni, Martin.

Ma Thomas abita il mondo solo in superficie: schivo e in parte irrisolto, lascia che la vita scorra senza pensarci troppo; il suo ricordo di un amore finito, quello per Sophie Selwood, è una presenza costante e tangibile, che illumina gli eventi e le cose che lo circondano, e ci racconta di come l’amore, o il ricordo dell’amore, possano trasformarsi in una composta e implacabile ossessione.

Una strana eredità da parte di un eccentrico zio costringe Thomas a uscire dalla quotidianità. Un viaggio verso un’isola del sud Italia, un albergo affascinante e malandato e un fine settimana imprevisto – in compagnia della gente del posto e degli altri forestieri giunti a loro volta sull’isola – saranno l’occasione perfetta per sparigliare le carte, guardare le cose da un altro punto di vista e fare finalmente i conti con il passato, questo animale saggio e al contempo grottesco che sembra sempre volerci indicare la strada.

“Lux”, romanzo d’esordio di Eleonora Marangoni (vincitore del premio Neri Pozza 2017 e candidato al Premio Strega 2019) racconta il rapporto che ognuno di noi ha con la propria vita presente e passata. Thomas il protagonista è profondamente legato ad un amore passato, ma si lascia scivolare addosso il presente. Viaggio in lungo e in largo, ma senza mai cercare un vero e proprio legame.

Il momento di svolta anche del romanzo, che nella prima parte scorre molto lentamente, ma senza mai annoiare, è l’arrivo del protagonista sull’isola. Un’eredità particolare e anche un po’ eccentrica per Thomas, ma che grazie al suo essere quasi magica, lo aiuterà a trovare una sua dimensione. Infatti l’isola e l’hotel Zelda riusciranno a far capire a Thomas l’importanza del ricordo, degli affetti che nel bene o nel male ci hanno segnato.

La scrittrice ha una capacità descrittiva molto incisiva, nulla viene lasciato in disparte. Ma allo stesso tempo è tutto molto evocativo e profondamente personale. In “Lux” tutto ha voce: dai personaggi ai singoli oggetti, paesaggi. Nulla è lasciato in disparte. LA scrittura è molto ricercata, attenta al dettaglio e a tratti artificiosa. Ma si fonde perfettamente con la storia, senza mai disturbare. Le vicende di Thomas potevano essere scritte solo in questo modo.

“Lux” è un romanzo molto particolare con una storia che a tratti può sembrare semplice o che non porti a nessun tipo di conclusione. Invece è proprio questo il suo punto di forza. Bisogna andare oltre, lasciarsi andare alla malinconia dei ricordi per apprezzare molto di più il presente, senza resta ancorati al passato.

Barbara Piergentili

“FEDELTA'” DI MARCO MISSIROLI LEGGI LA RECENSIONE