Vuoi leggere la recensione di “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci? “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci leggi la recensione

“I leoni di Sicilia” di Stefania Auci leggi la recensione

Titolo: I leoni di Sicilia
Autore: Stefania Auci
Genere: narrativa
Editore: editrice Nord
Pagine: 448
Prezzo: Euro 18
Prezzo E-book: 9,99

Trama: Dal momento in cui sbarcano a Palermo da Bagnara Calabra, nel 1799, i Florio guardano avanti, irrequieti e ambiziosi, decisi ad arrivare più in alto di tutti. A essere i più ricchi, i più potenti. E ci riescono: in breve tempo, i fratelli Paolo e Ignazio rendono la loro bottega di spezie la migliore della città. Poi avviano il commercio di zolfo, acquistano case e terreni dagli spiantati nobili palermitani, creano una loro compagnia di navigazione.

E quando Vincenzo, figlio di Paolo, prende in mano Casa Florio, lo slancio continua, inarrestabile: nelle cantine Florio, un vino da poveri – il marsala – viene trasformato in un nettare degno della tavola di un re. A Favignana, un metodo rivoluzionario per conservare il tonno – sott’olio e in lattina – ne rilancia il consumo.

“I leoni di Sicilia” è il primo romanzo di Stefania Auci sulla famiglia Florio. C’è subito da fare una precisazione: non è un semplice libro di intrattenimento, perché la scrittrice ha fatto un lavoro enorme dal punto di vista storico.

Il romanzo è diviso in periodi storici, e prima di iniziare a raccontare le vicende dei Florio c’è un capitolo puramente nozionistico sul contesto storico. Questo ci aiuta a collocare perfettamente la storia e ci aiuta anche a capire le singole decisioni prese dai protagonisti.

I componenti della famiglia Florio sono ben caratterizzati. La Auci non tralascia nulla, e lo fa con uno stile pulito, senza fronzoli, in modo da non distrarre il lettore dalla storia. Anzi, si riesce alla perfezione ad immaginare ogni singola scena.

La famiglia Florio è veramente esistita e la scrittrice è riuscita a raccontarci, senza mai annoiare, anche le vicende storiche e politiche dell’epoca. Interessanti, poi, le parti più tecniche, come quelle relative agli accordi o incontri politici e burocratici.

E’ impossibile smettere di leggere, siamo troppo coinvolti e vogliamo sapere come andrà avanti la storia. C’è da dire che i vari protagonisti non spiccano mai per simpatia e, perciò, è difficile empatizzare con loro, proprio perchè risultano personaggi poco amabili. Ma la Auci, con le parole giuste, ci fa appassionare a tutti pur non amando nessuno di loro.

“I leoni di Sicilia” è un ottimo romanzo e per gli amanti delle saghe familiari entra di diritto tra le migliori. Già di per sé la storia dei Florio è molto interessante, ma la scrittrice ha saputo coinvolgere noi lettori. E una volta terminato il romanzo viene subito la voglia di prendere il secondo volume per non abbandonare questa saga familiare.


Barbara Piergentili
(account Instagram: letture_barbariche)



“LE OSSA PARLANO” DI ANTONIO MANZINI LEGGI LA RECENSIONE