Vuoi leggere la recensione di “Fuga di morte” di Sheng Keyi leggi la recensione? “Fuga di morte” di Sheng Keyi leggi la recensione

“Fuga di morte” di Sheng Keyi leggi la recensione

Titolo: Fuga di morte
Autore: Sheng Keyi
Genere: Narrativa
Editore: Fazi Editore
Pagine: 430
Prezzo: Euro 18,50
Prezzo e-book: Euro 9,99

Trama: Sulla piazza principale di Beiping, capitale dello Stato di Dayang, un giorno compare un enorme escremento a forma di pagoda. Un atto dissacrante, che fa esplodere le gravi tensioni sociali latenti da tempo, innescando un movimento di protesta guidato da poeti e intellettuali. Yuan Mengliu, giovane e rispettato poeta, vive però una crisi profonda. Da un lato si dimostra incapace di sopportare la violenza della rivolta e della sua repressione da parte del governo. 

Dall’altro non riesce ad abbracciare gli ideali rivoluzionari della sua compagna Qi Zi, la quale si afferma invece come leader della protesta. Quando la ragazza scompare in circostanze misteriose, Yuan Mengliu, ormai abbandonata la poesia e diventato un chirurgo, si mette alla sua ricerca. Dopo anni di viaggi, si ritrova in un luogo sperduto chiamato Valle dei Cigni. Un mondo utopico apparentemente perfetto che si rivela invece sottoposto a imposizioni ferree dall’alto, dove ogni aspetto della vita è regolamentato ai fini del benessere dello Stato, con tragiche conseguenze.

“Fuga di morte” è il romanzo della giovane scrittrice cinese Sheng Keyi, che è stato rifiutato in Cina per il suo contenuto controverso. Infatti raccontando al lettore la storia di Yuan Mengliu, ha portato alla luce tutto quello che è accaduto nel 1989: la protesta di Tienanmen e la sua aspra repressione. La Keyi lo ha fatto creando un vero e proprio racconto allegorico, senza aver paura di narrare anche i fatti più crudi.

Nel romanzo si racconta la storia di Yuan Mengliu a 20 anni di distanza dalla dura repressione, ma non è assolutamente un romanzo autobiografico. Le vicende del protagonista sono utilizzate dalla scrittrice per puntare il dito contro ogni forma di regime autoritario. Perchè anche la Valle dei Cigni, dove si ritrova Mengliu, se all’inizio sembra la democrazia perfetta, piano piano ci ritroviamo in un mondo distopico. La perfezione deriva dal controllo ferreo sulla vita di tutti i giorni.

“Fuga di morte” non è assolutamente un romanzo facile da leggere, la scrittura di Sheng Keyi è molto curata, ricca di metafore. Bisogna conoscere il rapporto che ogni cinese ha con la cultura e l’arte per comprendere tutto il racconto. L’importanza della poesia è centrale in tutto il romanzo: il nostro protagonista insieme ai suoi amici inizialmente si oppone alla repressione proprio grazie alla poesia. Mentre nella Valle dei Cigni la poesia viene utilizzata per cercare di assoggettare Mengliu alle regole della società.

Sheng Keyi è una scrittrice molto coraggiosa e con un grandissimo talento. Grazie al suo romanzo, scritto con uno stile molto ricercato e poetico, ha riportato alla luce un periodo storico che ha segnato in mondo indelebile il popolo cinese, ma che ha anche colpito molto il resto del mondo per le immagini forti che si vedevano in televisione. Leggendo il romanzo il lettore ha la sensazione che non ci sarà mai la speranza di avere una vita libera da oppressori, ma la forza di Yuan Mengliu, di Qi Zi e di tutti gli altri giovani lascia un piccolo spiraglio verso la libertà.

Barbara Piergentili

“NINFEE NERE” DI MICHEL BUSSI LEGGI LA RECENSIONE