Un riassunto

Ne “La porta rossa Rai 2”terza puntata, sconvolta dalle scoperte sulla vita segreta di suo marito, Anna decide di andare a fondo e intraprende un’indagine personale: decide di esplorare quel mondo che Cagliostro le aveva tenuto nascosto, fatto di misteriosi appartamenti e squallidi nightclub. Allo stesso tempo, Vanessa si mette sulle tracce di sua madre che credeva morta. Insieme a Filip si introduce nella clinica in cui la donna risulta essere ricoverata. Cagliostro scopre che la sua collega Stella nasconde un segreto e, con l’aiuto di Vanessa, insinua in Paoletto il sospetto che la poliziotta possa essere coinvolta nel suo omicidio.

Ne “La porta rossa Rai 2”, terza puntata, poi, durante la perquisizione in casa di Cagliostro, stabilita da Piras, viene trovato qualcosa di molto compromettente che infanga la memoria del commissario. In Questura tutti sono ormai convinti che il commissario Cagliostro fosse la talpa che passava informazioni riservate ai criminali. Persino il vicequestore Rambelli, che lo ha sempre considerato come un figlio, inizia a credere che il migliore dei suoi uomini avesse effettivamente una doppia vita. Anna non si capacita, non accetta di avere vissuto accanto a un uomo corrotto e si confida con Stella, poco prima di scoprire che lei e Cagliostro erano amanti. La rabbia e la delusione di Anna la spingono a ipotizzare un’interruzione di gravidanza. Cagliostro, scoperte le sue intenzioni, tenta disperatamente di dimostrarle che l’ha amata e che la ama ancora molto: prova a lanciarle dei segnali per impedirle di abortire. Vanessa, insieme alla zia, parte da Trieste per conoscere la donna che l’ha abbandonata: l’incontro con sua madre si rivela una grande delusione.

“LA PORTA ROSSA RAI 2”, GUARDA IL VIDEO DELLA TERZA PUNTATA (EPISODIO 1)

“LA PORTA ROSSA RAI 2”, GUARDA IL VIDEO DELLA TERZA PUNTATA (EPISODIO 2)