“L’uomo delle castagne” scheda e recensione della serie tv Netflix

“L’uomo delle castagne” scheda e recensione della serie tv Netflix

Disponibile su: Netflix

Genere: Giallo, crime, drammatico
Anno: 2021
Ideatore: Dorte Warnøe Høgh, David Sandreuter, Mikkel Serup
Cast: Danica Curcic, Mikkel Boe Følsgaard, Iben Amelieh Emine Dorner, David Dencik, Esben Dalgaard Andersen
Paese: Danimarca
Durata: 50-60 minuti
Episodi: 6
Voto (media ponderata): ♥♥♥♥ (su 5)

La trama

Sulla scena di un omicidio è rinvenuta una statuetta di castagne. Con questo inquietante indizio, due detective cercano un killer legato alla scomparsa di una bambina.

“L’uomo delle castagne” scheda e recensione della serie tv Netflix – Le recensioni su IMDB

“Una trama accattivante e due poliziotti profondamente disturbati hanno dato vita ad un interessante serie poliziesca. La premessa e la rivelazione hanno funzionato bene insieme. La recitazione è decente e i personaggi hanno profondità. La canzone delle castagne è assolutamente inquietante.” 

“La tensione è mantenuta per tutto il tempo con una buona spolverata di aringhe rosse. Alcune scene inquietanti.” 

“Eccezionale serie con una trama ben concepita e che coinvolge lo spettatore con eccellenti attori/attrici professionisti. Questa è una di quelle “gemme cinematografiche nascoste” che speriamo sempre di trovare, ma raramente lo facciamo. Soddisfazione garantita!” 

“Ok, l’ho guardato con i sottotitoli ma in tutta onestà questo ha fatto poca differenza. Normalmente mi aspetterei di valutare molto i drammi polizieschi scandinavi dopo aver visto The Killing che era eccellente. Ma questo era troppo prevedibile, infatti dal primo episodio avevo già elaborato nella mia testa la narrazione della storia e come avevo predetto era quello che era. L’unica eccezione era che non ho mai predetto chi fosse il vero assassino ma siccome il resto era tutto corretto l’eccitazione di chi fosse era già passata. Non particolarmente spaventoso o eccitante, solo nella media.” 

“Ottima serie con una grande trama e un grande cast. Buono come The Bridge e The Killing secondo me. Questo dice tutto.”

“Atmosfera cupa e immagini forti. Gli elementi tipici del thriller poliziesco nordeuropeo della Scandinavia sono inclusi: caso crudele, duo investigativo opposto, critica sociale e, soprattutto, atmosfera cupa (autunnale). La serie non crea alta tensione, ma così tanta tensione che uno vorrebbe sapere come va a finire. Vale la pena vederlo e uno dei migliori romanzi gialli. Oscuro thriller poliziesco dal nord Europa.” 

“Questa serie è abbastanza buona! Non ho indovinato chi è stato fino alla fine quindi è stato un bene che mi abbia tenuto in sospeso. L’unico lato negativo è che l’ho trovato molto americanizzato. Gli spettacoli danesi sono sempre sorprendenti perché sono più realistici ma questo aveva così tanti aspetti stupidi. Sembrava più una produzione di Hollywood in termini di alcune trame incredibili. Ma lo consiglio comunque perché è stato abbastanza inquietante e un buon thriller.” 

“Serie molto buona, come spesso accade se viene dalla Danimarca. Recitazione fantastica da parte di tutti i partecipanti e la trama è buona. Anche abbastanza raccapricciante, il che è come dovrebbe essere.” 

“Sono rimasto davvero affascinato fin dal primo minuto, mi è piaciuto come la suspense continuava a crescere e chi sarebbe stato l’assassino. Trovare l’assassino nell’ultimo episodio mi ha preso completamente alla sprovvista. Per godere al meglio di questo spettacolo tieni la lingua originale poiché il doppiaggio inglese non è ben fatto e piuttosto fastidioso, anche la performance non era così fantastica. Nel complesso, questo mi è piaciuto.” 

“Mi è piaciuta questa serie. È il modo in cui sono fatti i buoni thriller. Mi chiedo se ci sarà la seconda stagione” 

“Sono una fan delle serie del tipo “chi l’ha fatto”. Quindi quando ho visto questa serie così altamente valutata ero eccitata ed entusiasta. Tuttavia, per la mia esperienza è stata un po’ più lenta. È possibile che abbia a che fare con la lingua? Ma io guardo sempre serie in lingue diverse con i sottotitoli e sono ancora in grado di divertirmi. La serie è migliorata intorno al quarto episodio, ma nel complesso non è stata fantastica.” 

“Eccellente dramma criminale. Trama molto ben cucita, con poche questioni in sospeso, suspense sempre presente, buon trattamento dei problemi psicologici familiari e individuali, ottime interpretazioni. La serie ha catturato totalmente la mia attenzione. È la terza serie danese che guardo senza alcuna delusione. I danesi sono bravi. Sono un fan del loro lavoro.” 

“ALICE IN BORDERLAND” SCHEDA E RECENSIONE DELLA SERIE TV NETFLIX