Vuoi leggere la recensione di “La ragazza che cancellava i ricordi” di Chiara Moscardelli? “La ragazza che cancellava i ricordi” di Chiara Moscardelli leggi la recensione

“La ragazza che cancellava i ricordi” di Chiara Moscardelli leggi la recensione

Titolo: La ragazza che cancellava i ricordi
Autore: Chiara Moscardelli
Genere: narrativa
Editore: Giulio Einaudi editore
Pagine: 296
Prezzo: Euro 18
Prezzo E-book: 9,99

Trama: Olga ha trentanove anni, abita in un paese al confine con la Svizzera ed è ossessionata dalla paura di perdere la memoria, com’è successo a sua madre. È stata lei a chiamarla come la Cechova, ma se l’allieva di Stanislavskij era corteggiatissima. Olga ha sempre diffidato dei maschi. ‘La tatuatrice che cancella i brutti ricordi’, l’ha definita il ‘Corriere’, dando una sgradita notorietà proprio a lei, cresciuta isolata come aveva deciso suo padre, che l’ha iniziata all’arte del combattimento.

Quando scompare Melinda, un’amica milanese tatuata anni prima, Olga si getta nella sua ricerca. Cosí? incontra l’attraente giornalista Gabriele Pasca, che sovverte ogni sua certezza sui sentimenti. Per scoprire che cosa si cela dietro le sparizioni di diverse donne, Olga dovrà sfuggire a un uomo spietato che la insegue. Un uomo con una piovra tatuata sul collo.

“La ragazza che cancellava i ricordi” è l’ultimo romanzo di Chiara Moscardelli. Un thriller in tinta rosa, che ha tutti gli elementi per intrattenere il lettore. Un giallo con due investigatori novelli che faranno di tutto per trovare la soluzione.

Non è un caso complesso, ma viene narrato con il solito brio, che contraddistingue lo stile della Moscardelli. Olga è una ragazza con un passato sofferto che si ritrova, suo malgrado, a indagare sulla scomparsa della sua amica Melinda. Ma non è un caso di semplice scomparsa, perché nasconde fatti ancora più seri e gravi.

La coppia Olga/Gabriele funziona benissimo: tra intuizioni, battute e capacità investigative arriviamo al termine della lettura molto divertiti. Perchè, alla fine, più che il caso, prende il sopravvento la parte rosa del romanzo e in particolare la storia tra Olga e Gabriele.

Certo questo potrebbe far storcere il naso a chi si aspettava qualcosa di diverso, ovvero un giallo, ma senza risvolto romantico. Eppure grazie allo stile ironico e ben strutturato la lettura è un vero piacere e i momenti divertenti sono senza dubbio le parti migliori.

“La ragazza che cancellava i ricordi” è un romanzo piacevole con un’indagine che non annoia e fa passare momenti di lettura veramente spensierati. Ovviamente per i puristi del giallo, forse, sarebbe il caso di passare oltre. Ma per chi vuole leggere un buon libro di intrattenimento, scritto bene, è proprio il libro giusto.

Barbara Piergentili
(account Instagram: letture_barbariche)

“QUANDO TORNERO'” DI MARCO BALZANO LEGGI LA RECENSIONE