Juve Milan pagelle Betancur mezzala coi fiocchi 7 Rebic che combini E’ 4 E Cristiano

Juve Milan pagelle Betancur mezzala coi fiocchi 7 Rebic che combini E’ 4 E Cristiano

Fabio Licari per gazzetta.it

Juventus 6 Partenza impressionante, occasioni, possesso, subito superiorità numerica, ma poi riemerge il solito difetto: poca incisività in attacco. E il rigore sbagliato non può essere un alibi.

Buffon s.v. Interventi nessuno. Qualche pallone “sporco” tra le mani e due occasioni — di Calhanoglu e Kjaer — fuori dallo specchio della porta. Più che altro fa il regista arretrato, guidando i compagni con le sue urla.

Danilo 6 Sopravvive all’entrataccia di Rebic e offre discreta spinta in attacco. Anche se ogni tanto soffre sulle ripartenze.

De Ligt 6.5 Sarà che gioca a destra, sarà che ha preso confidenza con il calcio italiano, ma non ci sono più falli di mano, ingenuità e salti a vuoto. Due grandi chiusure, piedi da play arretrato e solita pericolosità in attacco.

Bonucci 6 Dopo pochi minuti sia lui sia De Ligt si trovano senza punto di riferimento e possono dedicarsi all’impostazione bassa. L’olandese è però più attento nelle situazioni difensive.

Alex Sandro 6,5 Bella spinta, anche se a corrente alternata. Comincia con affondi veloci e pericolosi, rallenta, nel recupero però è ancora lì e sfiora il gol da fuori. Paquetà così largo e timido non è un problema per lui.

I voti a Betancurt, Pjanic e Matuidi

Betancurt 7 (IL MIGLIORE) Un uomo chiamato mezzala. Il “suo” ruolo naturale, per noi, è questo. E la quadratura del cerchio sarriano coinciderà con l’arrivo di un centrale alla Tonali. Un peccato limitare l’aggressività, il senso dell’incursione e il gioco in verticale dell’uruguayano lasciandolo basso davanti alla difesa. Il problema della Juve è che Pjanic fatica da morire in quel ruolo. Quando il bosniaco esce, si vede la differenza con Bentancur che si prende più palloni e responsabilità. Ma Pjanic mezzala proprio no? E dove lo farebbe giocare il Barcellona se non mezzala?

Pjanic 5 (IL PEGGIORE) Sembrava che Sarri si fosse arreso all’evidenza. E invece riecco il bosniaco nel ruolo che in questa Juve proprio non gli riesce. E infatti anche con il Milan viene bypassato nella manovra, prende un “giallo” in copertura e alla fine esce.

Matuidi 6 Probabile che la quarantena abbia ancora effetti sul suo fisico: di sicuro non è ancora il Matuidi “tripla fase” che marca, si inserisce e fa anche il caffé. Però l’occasione più pericolosa della Juve, rigore a parte, è sua.

Juve Milan pagelle Betancur mezzala coi fiocchi 7 Rebic che combini E’ 4 E Cristiano

Douglas Costa 5,5 Promette sfracelli che non mantiene. Più gli errori che le aperture, più il fumo che i cross precisi. Non è ancora il dribblomane che crea superiorità e potrebbe spingere Higuain in panchina, ma la continuità non è il suo forte.

Dybala 6 Niente a che vedere con il Dybala pre-Covid (in tutti i sensi, tra pandemia e contagio personale). Ma almeno è quello che dà l’impressione di poter cambiare la partita con una “dybalata” prima di spegnersi.

Cristiano Ronaldo 5 Non è per il rigore sbagliato (appena 2 su 16 in bianconero), ma per tutto il resto. Impreciso, meno grintoso di altre occasioni, aveva cominciato meglio da centravanti ma poi s’è riallargato come gli piace. Contento lui…

I voti alle riserve e Sarri

Khedira 5,5 Dentro per Pjanic, con lo spostamento di Bentancur davanti alla difesa. Una incursione ma poco nel gioco e poco ritmo. Da rivedere.

Rabiot 5 Non gli riesce la parabola del figliol prodigo che, un po’ ribelle durante gli ultimi mesi, a un passo dall’essere cacciato da casa, torna e riconquista il padre. Entra per Matuidi e non lascia traccia se non per una svirgolata.

Bernardeschi 5 Dentro per Douglas Costa, non convince nè quando prova a giostrare al centro nè quando si allarga a sinistra. Eppure doveva essere fresco come Cuadrado che, a destra, andava come un dannato.

Cuadrado 6 Entra nel finale da esterno basso e in pochi minuti crea più occasioni di tanti colleghi

Sarri 5,5 Come fosse calcio d’estate, il lockdown aveva illuso: Bentancur play, Cuadrado esterno basso e tridente atipico. Sarri torna indietro in due mosse su tre e non convince del tutto. Sembrava azzeccato il CR9 invece che 7, ma dura poco: come la Juve.

Juve Milan pagelle Betancur mezzala coi fiocchi 7 Rebic che combini E’ 4 E Cristiano

Milan 6 Potrebbe crollare subito, tra il rigore (pur sbagliato da CR7) e l’espulsione. Invece si compatta e gioca addirittura meglio in inferiorità. Mai pericoloso, ma alla fine conquista fiducia.

Donnarumma 7 (IL MIGLIORE) Non è ancora chiaro se abbia toccato o meno la palla sul rigore di Ronaldo. Ma era sulla traiettoria come in tutte le altre occasioni (non troppe per la verità) della Juve. Risponde bene a Matuidi da due passi, risponde con altrettanta prontezza ad Alex Sandro. Soprattutto è sempre attento e regala sicurezza ai compagni. La coppia Kjaer-Romagnoli è una barriera quasi insuperabile, lui non sbaglia niente. La base su cui il Milan può impostare la rincorsa all’Europa in campionato, ora che è sfumata la Coppa Italia.

Conti 5,5 Sulla sua partita l’ombra del fallo di mano che procura il rigore: un gesto istintivo, d’accordo, ma rischioso. Ha però il merito di resistere e non arrendersi, lottando contro Douglas, CR7 e Berna.

Kjaer 6,5 Una chiusura decisiva su De Ligt, non un colpo di testa sbagliato e una continuità impressionante come quella del collega di reparto. Se gioca sempre così, il posto è suo e niente storie.

Romagnoli 6,5 La scivolata su Cristiano Ronaldo in fuga vale quasi come un gol. E come il danese di testa è insuperabile. Una macchia: il fallo inutile su Dybala all’inizio. Poteva costare caro. Ma lo fa dimenticare presto. Con o senza centravanti, la Juve non passa.

Calabria 5,5 Non una serata memorabile per gli esterni del Milan. Non commette un rigore come Conti ma all’inizio sbanda pericolosamente sotto i colpi di Dybala. Si riprende quando il ritmo dei bianconeri s’abbassa.

I voti a Kessie, Bennacer, Paquetà Bonaventura e Calhanoglu

Kessie 6 Se Bennacer comincia bene ma si perde un po’ per strada, il suo percorso è inverso. Sembra lento e appesantito ma alla lunga si sente il suo movimento e la sua corsa in verticale. Esce stremato, senza lode ma sufficiente

Bennacer 5,5 La partenza sembra promettente, ma ha poca collaborazione attorno e appena il Milan allenta la pressione lui comincia a perdere palla e avversari. Soffre anche il ritmo di Bentancur.

Paquetà 5 Che si giochi in undici o in dieci, non sembra questo il suo ruolo. Da esterno del 4-2-3-1 non trova la posizione, soffre in copertura e fatica anche in impostazione. Meglio quando si accentra ma è estemporaneo e impreciso.

Bonaventura 5,5 Da trequartista a centravanti d’emergenza del 4-4-1 (causa espulsione di Rebic). Non facilissimo adattarsi, eppure sembrava in crescendo quando Pioli ha deciso di cambiarlo con Leao. Poteva restare in campo.

Calhanoglu 6 Non una serata indimenticabile, ma alla fine le azioni del Milan le porta avanti lui, tra errori, palle lunghe e tanto movimento. Prezioso anche in copertura, sua l’occasione più bella con quella di Kjaer. Oggi indispensabile nel Milan.

Juve Milan pagelle Betancur mezzala coi fiocchi 7 Rebic che combini E’ 4 E Cristiano

Rebic 4 (IL PEGGIORE) Se pensiamo alla partita dopo la sua espulsione, con il Milan più bravo in dieci, dovremmo indicarlo migliore in campo. Ma la sua è una follia che poteva costare cara al Milan e a Danilo. Già non era una serata facile, punta centrale senza Ibra…

Leao 5 Dentro per Bonaventura: un centravanti “quasi” vero per uno sicuramente falso. Ma con pochi risultati: il Milan tiene, alza il baricentro ma lui è ancora tenero e si trova meglio quando parte dalla fascia. Non è serata per giudicarlo

Colombo s.v. Classe 2002, comunque questa serata se la ricorderà per la vita. Debutto nel Milan (al posto di Paquetà) e primi minuti da professionista. Il bello verrà dopo.

Krunic s.v. Una decina di minuti per Kessie stremato. Di solito entra subito in partita, ma qui è dura.

Saelemaekers s.v.

Laxalt s.v.

Pioli 6 Non che potesse fare miracoli senza Ibra, Theo e subito in dieci. Il Milan sbanda ma lui non prende decisioni avventate e, complice il calo della Juve, lo rimette in carreggiata. Forse Bonaventura poteva restare in campo, ma la gestione è positiva.

POGBA ALLA JUVE PER SOLDI PIU’ UNO O DUE GIOCATORI ECCO CHI SONO