Vuoi leggere la recensione di “Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario? Leggi la recensione di “Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario

“Il rumore del mondo” di Benedetta Cibrario leggi la recensione

Titolo: Il rumore del mondo
Autore: Benedetta Cibrario
Genere: Romanzo storico
Editore: Mondadori
Pagine: 756
Prezzo: Euro 22,00
Prezzo e-book: Euro 10,99

L’ufficiale piemontese Prospero Carlo Carando di Vignon, di stanza a Londra, sposa Anne Bacon, figlia di un ricco mercante di seta. Quando, dopo essere stata vittima del vaiolo, arriva a Torino, Anne è molto diversa.

La vita coniugale si annuncia come un piccolo inferno domestico, ma il suocero Casimiro la invita a occuparsi della proprietà del Mandrone, il cui futuro soltanto a lui – conservatore di ferro – sembra stare a cuore. Tra i due si stabilisce un’imprevedibile complicità e Anne matura amore e dedizione per la vita appartata e operosa che vi conduce. La storia della famiglia Vignon si intreccia ai fili dello spirito del tempo, e non di meno a quelli della seta.

Benedetta Cibrario con “Il rumore del mondo” (finalista al Premio Strega 2019) racconta un periodo storico molto importante per l’Europa: il Risorgimento. Ma lo ha fatto parlando del prima e fermandosi proprio quando stava per scatenarsi tutto e stava per nascere l’Italia (1838-1848). Con maestria ha fatto vivere tutta quell’aria di cambiamento, che partita in sordina ha poi dato il via ad un cambiamento epocale.

E’ un vero e proprio romanzo storico, che ha dietro uno studio e una ricerca molto accurata dei fatti realmente accaduti. Ma la Cibrario è riuscita a cucire all’interno una storia privata, che proprio come il mondo esterno, verrà travolta dal cambiamento. Le vicende della giovane Anne Bacon e di suo marito Prospero Vignon appassionano sin dall’inizio, per tutto quello che accade ai protagonisti. Ma soprattutto perchè rappresentano i due paesi più distanti tra loro, in questo contesto storico.

Da una parte l’Inghilterra di Anne sempre attiva e fiorente commercialmente, dall’altra Torino fortemente conservatrice e legata alla famiglia reale. Molto bello il rapporto che si viene a creare tra Anne e il suocero. L’intelligenza e la capacità di adattarsi della protagonista la rende il punto centrale del Mandrone, terra amanta dal suocero. La complicità tra i due è veramente un piccolo gioiello del romanzo e viene narrata con una delicatezza ed eleganza che coinvolge molto il lettore.

Nel leggere “Il rumore del mondo” si ha l’impressione di leggere uno dei classici, che fanno sognare e che portano il lettore in un’epoca distante, facendolo sentire parte integrante della storia. Il romanzo di Benedetta Cibrario è veramente una bellissima e appassionante lettura. Chi si considera un amante dei romanzi storici, soprattutto sul Risorgimento, deve assolutamente leggere “Il rumore del mondo”.

Barbara Piergentili

“LA STRANIERA” DI CLAUDIA DURASTANTI LEGGI LA RECENSIONE