Il gioco di Icardi chiede tempo e aspetta la Juve Ma Napoli e Roma hanno fretta

da gazzetta.it

Mauro vuole una settimana perché si chiarisca la situazione dei bianconeri. E blocca il mercato mentre i club temono il ritardo di condizione.

Il gioco di Icardi chiede tempo e aspetta la Juve Ma Napoli e Roma hanno fretta

Nell’ultima settimana Mauro Icardi, separato in casa all’Inter, sembra essersi convinto che il rischio di restare fermo per oltre un anno è troppo alto. Così i suoi rappresentanti hanno cominciato ad ascoltare offerte. Arrivate, per ora, da Napoli e Roma. Entrambe sono considerate buone dal club e prevedono un ingaggio migliorativo rispetto all’attuale (4,5 milioni più bonus).

Icardi però – è ormai cosa nota – aspetta la Juve. Wanda lo ha fatto sapere anche ai club interessati, pur non rifiutando a priori le altre due destinazioni. In più fra gli Icardis la convinzione che la chiamata della Juve arriverà c’è. Ma il complicarsi del mercato in uscita dei bianconeri può aver instillato qualche legittimo dubbio nel centravanti. Così Wanda Nara ha chiesto tempo a Napoli e Roma.

Cercando di ritagliarsi un’altra settimana per avere una situazione più chiara. E nel frattempo i due club considerano anche il tempo che eventualmente occorrerà a loro per rimettere in forma campionato Maurito…

Paratici: “Nessun esubero, Dybala è un grande. Icardi? Per ora è dell’Inter”

Il suo telefono ribolle, ma Fabio Paratici, uomo mercato della Juventus, non perde la calma. E dopo la festa di Villar Perosa fa il punto sulle trattative bianconere. Senza sbottonarsi come d’abitudine, ma facendo capire alcune cose. “Come tutti i giorni si fanno tante chiacchiere, poi di affari non se ne fanno tanti. Ma siamo fiduciosi e tranquilli. C’è una lista Champions alla quale dobbiamo uniformarci, ma non parlerei di giocatori in esubero. Possiamo iscrivere 21 giocatori più i local player, quest’anno ne abbiamo solo uno. Per cui possiamo iscriverne solo 22”.

Resta il fatto che qualcuno rischia di rimanere fuori, fra questi Rugani e Mandzukic. “Non ci sono giocatori più vicini di altri alla cessione. Dybala? E’ uguale a tutti gli altri giocatori della Juve. Anzi Dybala è un grande giocatore della Juve, il numero dieci. Come sta vivendo il momento? Credo bene, perché essere accostati a grandi club fa sempre piacere. Perin e Pjaca difficilmente si trasferiranno in questa sessione, mentre Pellegrini sarà a ore al Cagliari.”

“Abbiamo preso de Ligt, che aveva richieste da tutte e dieci le prime squadre del ranking. Abbiamo preso due parametri zero, Rabiot e Ramsey, e un difensore come Demiral, che credo sia quello per cui sono arrivate più richieste, e Danilo, che in carriera ha vinto 12 titoli. Il nostro è un parco giocatori di grande livello, siamo fra le migliori squadre al mondo con giocatori di grande spessore umano che vanno rispettati anche per i professionisti che sono.”

Il gioco di Icardi chiede tempo e aspetta la Juve Ma Napoli e Roma hanno fretta

“Siamo in una sessione di calciomercato dove ci sono degli interessamenti e dove per concludere un affare bisogna essere in tre. Le due squadre che trattano il giocatore e il giocatore stesso. Piano piano si avvicina la fine del calciomercato e si tireranno le dovute considerazioni”.

Paratici viene nuovamente sollecitato sulla questione Icardi. “Intanto è un giocatore dell’Inter. Quindi noi parliamo dei nostri giocatori, abbiamo dei grandi attaccanti. C’è Higuain che è un grandissimo bomber, abbiamo Mandzukic che é un grandissimo giocatore. E poi Dybala e Cristiano. Quindi non parlerei dei giocatori degli altri”.

La Roma blocca Dzeko: va all’Inter solo se arriva Icardi

Il club giallorosso frena la cessione del suo centravanti, a meno che non sia pedina di scambio per Maurito.

La Roma ha detto stop. Tempo scaduto. Per Edin Dzeko non accetterà più offerte che contemplino solo una parte economica. Da Trigoria trapela una versione ormai ufficiale che è stata recapitata anche al giocatore attraverso il suo procuratore, Martina. L’Inter ha avuto mesi per chiudere l’affare a 20 milioni e non lo ha fatto. Ora il precampionato brillante di Dzeko non solo ha fatto salire ulteriormente il suo valore, stimato in 25 più bonus.

Ma non è più neanche una semplice questione di cash. Arrivata a Ferragosto e a dieci giorni dall’inizio del campionato, la società non ritiene ci sia più il tempo per trovare un’alternativa credibile che possa sostituire Dzeko.

Il quale ha dimostrato di essere il centravanti perfetto per il gioco di Fonseca. E a nulla al momento pare servire la volontà dell’attaccante che da mesi ha un accordo con i nerazzurri. La Roma ha spettato che l’Inter bussasse alla porta con i 20 milioni richiesti, non è successo. ora per cedere – a malincuore – il suo bomber ha bisogno di un altro attaccante in cambio.

E l’unico che in questo momento interessa è Icardi, per i quali sono disposti a mettere sul piatto Dzeko e 30 milioni. Ma è Maurito che per ora, con onestà, ha fatto sapere di essere grato per l’interessamento ma che aspetta un’altra chiamata: quella della Juve. Messaggio peraltro fatto recapitare anche all’altra pretendente, il Napoli che si sarebbe spinta a offrire tra i 55 e i 60 milioni per il cartellino.

Calciomercato Inter Mauro Icardi adesso può scatenare l’inferno