I migranti continuano e continueranno ad arrivare anche se Salvini e Di Maio non li vogliono

I migranti continuano e continueranno ad arrivare anche se Salvini e Di Maio non li vogliono

Di Maio, non solo è ignorante ma sta diventando patetico. Nello sforzo di compiacere il suo sodale, Salvini, si “barcamena” sulla questione dei migranti. Tra la necessità di una differenziazione dalle posizioni della Lega e quella di tenere unito il Movimento. Movimento di cui è stato nominato, da Casaleggio, capo politico e che è sempre più insofferente verso il Salvini pigliatutto. Ha definito, il nostro Di Maio, l’attività delle ONG, intellettualmente scorrette. In quanto, secondo lui, dietro il salvataggio di vite umane ci sarebbe l’intenzione di attirare l’attenzione sulle ONG per farsi pubblicità.

Di Maio sta perdendo lucidità…

Certamente lo stress che gli viene dal presenziare a tutti gli avvenimenti ai quali cerca di non mancare per consolidare la sua immagine sui teleschermi e sui social non aiuta. Inoltre, non va dimenticato il gran caldo che sta mettendo a dura prova tutti gli italiani. Ma dare dei disonesti intellettuali a persone che rimangono nell’ombra dopo aver compiuto operazioni umanitarie di salvataggio di vite, è proprio di chi ormai ha perso completamente la lucidità. E’ in confusione totale perchè si accorge che la sua leadership vacilla per l’insofferenza di una buona parte dei parlamentari. Questi sono a rischio di una prematura fine del mandato. E incazzati per le continue sconfitte elettorali patite dal Movimento nelle elezioni locali. Si sta inoltre rendendo conto che non è in grado di gestire le 150 crisi aziendali, alle quali dovrebbe trovare una soluzione come Ministro del Lavoro.

Di Maio non sa fare il Ministro, mentre Salvini si diverte a giocare allo sceriffo

Di Maio, poi, non è in grado neppure di mettere in piedi un vero piano come Ministro dello Sviluppo Economico. Ciò a causa dei condizionamenti legati alle varie anime del M5S. A queste in campagna elettorale ha fatto promesse che non è riuscito a mantenere e che erano state fatte per raccattare consensi. Salvini invece ritagliandosi il ruolo dello sceriffo riesce a riscuotere ampi consensi attingendo persino nell’elettorato 5 Stelle. E’ molto più semplice far credere di avere sconfitto l’immigrazione clandestina con lo slogan “porti chiusi” che però tanto chiusi non sono.

La realtà è ben diversa da quella che vediamo sui nostri cellulari

La realtà è un’altra ed è sotto gli occhi di tutti, solo che non la si vuole vedere. Basta guardarsi attorno, soprattutto nelle grandi città. Per notare che i “visi pallidi” sono sempre di meno e sempre più vecchi. I visi pallidi fanno sempre meno figli, perchè c’è difficoltà a trovare lavoro e il Governo non aiuta quelli che li fanno. Sempre guardando quelli che ci stanno attorno, ma dovremmo alzare lo sguardo dallo schermo dei telefonini, potremmo notare famigliole di coppie di colore. Coppie con tre o quattro figli disciplinati che passeggiano per le strade o affollano i parchi pubblici. Ai quali ci ostiniamo a non concedere la cittadinanza, anche se nati in Italia, frequentano le nostre scuole e parlano italiano correttamente.

I migranti continuano e continueranno ad arrivare anche se Salvini e Di Maio non li vogliono

Non li vogliamo, dicono Salvini e i suoi fans, ma sono venuti e continueranno a venire anche con i porti chiusi. E con il filo spinato alle frontiere, alla faccia di Salvini e del suo compiacente sodale Di Maio. Il problema della migrazione non consiste solo nel controllo degli arrivi. Ma ha bisogno di una efficace rete di accoglienza e inserimento. Se non si farà questo continueremo ad averli anche se da irregolari. Ma necessari per sopperire alle tante falle di un sistema sociale che non funziona. E continuerà a non funzionare se Salvini e Di Maio anzichè fare “ammuìna” non mettono mano alla realizzazione di un’efficace sistema di accoglienza e di espulsioni. Visto che dicono di governare.

Mario Balzano

Grazie a quel coatto di Salvini l’Italia nella ‘nuova’ Europa non conta più niente