Vuoi leggere la recensione di “Genesi mostruose” di Peter Vronsky? “Genesi mostruose” di Peter Vronsky leggi la recensione

“Genesi mostruose” di Peter Vronsky leggi la recensione

Titolo: Genesi mostruose
Autore: Peter Vronsky
Genere: saggio
Editore: Nua Edizioni
Pagine: 500
Prezzo: Euro 18
Prezzo E-book: 5,99

Trama: Da Elizabeth Bathory ad Aileen Wuornos, da Irma Grese a Myra Hindley. Come e perché le donne diventano mostri. Un saggio sulle donne serial killer che vi permetterà di conoscere e approfondire una realtà poco nota. Per secoli siamo stati condizionati a pensare agli assassini seriali e ai predatori psicopatici come uomini, e forse è per questo che tante vittime sono cadute preda della mostruosità di alcune donne.

“Genesi mostruose” è un saggio scritto da Peter Vronsky sulle donne serial killer. Lo scrittore ha un curriculum vitae di tutto rispetto: regista, storico investigativo e ricercatore universitario. E inoltre ha concentrato la sua attenzione sui serial killer, sia uomini che donne.

In questo saggio, però, si è concentrato sulle donne serial killer. Per introdurre l’argomento, l’autore ha riportato una serie di dati tecnici e, a grandi linee, ha cercato di mettere in risalto la differenza tra i due sessi nei delitti. Può sembrare superflua questa distinzione, perchè verrebbe da pensare che sono tutti assassini. Ma è interessante scoprire le differenze, se veramente ci sono.

Per anni, secondo Vronsky, le donne sono state viste come sottomesse agli uomini nei vari efferati delitti, e quasi totalmente incapaci di poter essere serial killer. Ma non è proprio così. Per Peter Vronsky l’uomo è condizionato da impulsi, mentre la donna è più pratica, più interessata la risultato. Tutte queste statistiche sono in continuo studio, ma a grandi linee chiariscono la lettura.

Nella seconda parte del saggio Vronsky analizza molto dettagliatamente la vita di alcune serial killer. Sicuramente la più famosa è Aileen Wuornos, grazie al film “Monster” con Charlize Theron, per la giustizia americana la prima vera serial killer e condannata proprio con questa imputazione.

Le altre donne non sono state da meno: dalle ‘amanti’ del veleno a delle vere e proprie torturatrici. In questa seconda parte la lettura risulta molto difficile per la crudezza dei racconti. Ma anche solo per il pensiero che tutto ciò sia, purtroppo, realmente accaduto. Veramente agghiacciante, ad esempio, la storia della coppia soprannominata Barbie e Ken.

“Genesi mostruose” è un ottimo saggio che analizza i delitti seriali in chiave femminile e Vronsky non lascia nulla all’immaginazione. Ricchissima la bibliografia per chi volesse approfondire, ancora di più, le singole storie. La difficoltà di questo saggio non è nella scrittura, che è molto scorrevole, ma proprio negli argomenti trattati. Se si è facilmente impressionabili non è questa la lettura da intraprendere. Per gli altri, invece, è un ottimo spunto di riflessione.

Barbara Piergentili
(account Instagram: letture_barbariche)

“I TESTAMENTI” DI MARGARET ATWOOD LEGGI LA RECENSIONE