“Flee” scheda e recensioni del film

“Flee” scheda e recensioni del film

Distribuzione: I Wonder Pictures

Genere: Animazione, documentario, drammatico
Anno: 2021
Regia: Jonas Poher Rasmussen
Cast: Daniel Karimyar, Fardin Mijdzadeh, Milad Eskandari, Belal Faiz, Elaha Faiz, Zahra Mehrwarz, Sadia Faiz
Durata: 89 minuti
Paese: Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Italia, Norvegia, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia, USA
Voto (media ponderata): 4 (su 5)

La trama

Amin è arrivato come minore non accompagnato in Danimarca dall’Afghanistan. Oggi è un accademico di successo e si sposa con il suo fidanzato di lunga data. Un segreto che nasconde da vent’anni rischia di rovinare la vita che si è costruito.

“Flee” scheda e recensioni del film – La recensione di ComingSoon.it

“Flee”, come la sua tripla nomination da record agli Oscar testimonia, è film dalla multiforme identità. Documentario nell’anima, veste di fiction animata, racconto apolide, dove la nazionalità di un essere umano in fuga evapora. E parallelamente evaporano i confini tra diversi generi cinematografici. Non è però un esercizio di stile fine a se stesso: almeno un paio di sequenze inquadrano perfettamente il dramma eterno dei senza patria.

Recensione di Domenico MisciagnaVoto: 4 (su 5) – Leggi la recensione completa

“Flee” scheda e recensioni del film – La recensione di MyMovies.it

La ferita interiore di un uomo è tradotta visivamente dal film con un disegno animato vario. Che dal realismo dei dialoghi e del racconto documentario passa al tratto indefinito e impressionista dei traumi, del dolore senza volto e senza voce. Se non quella dell’urlo indescrivibile del potere e del male.

Recensione di Roberto Manassero. Voto: 3.5 (su 5)Leggi la recensione completa

La recensione di MoviePlayer.it

L’unica fuga che non viene concessa è allo spettatore. Perché al netto delle illustrazioni che possono trarre in inganno circa il bacino d’utenza del film (perché nel 2022 c’è ancora chi parte dal presupposto che l’animazione sia esclusivamente a uso e consumo dei bambini), non è possibile scappare da un lungometraggio che ancora una volta, per il contesto storico della sua uscita, ci ricorda quanto il passato non sia mai veramente qualcosa che ci si lascia alle spalle, animate o meno.

Recensione di Max Borg Voto: 4.5 (su 5) – Leggi la recensione completa

“PARIGI TUTTO IN UNA NOTTE” SCHEDA E RECENSIONE DEL FILM