Fantacalcio la top 5 dei difensori da comprare nella vostra squadra

Fantacalcio la top 5 dei difensori da comprare nella vostra squadra

da gazzetta.it

Ecco le nostre prime cinque scelte per la difesa alla Magic e nelle aste con gli amici, tenendo conto del modificatore.

1: KOULIBALY (Napoli, 21 Magic milioni) Non segnerà come altri mammasantissima del ruolo. Ma se giocate con il modificatore e volete una sicurezza, Kalidou Koulibaly può essere la vostra prima scelta. Il 6,35 di media voto della scorsa stagione può essere tranquillamente replicato nel 2019-20.

2: DE VRIJ (Inter, 19 Magic milioni) Il primo anno all’Inter è andato così così (pochi gol per i suoi standard, media voto discreta). Ma con l’arrivo di Antonio Conte e soprattutto il ritorno alla difesa a tre siamo pronti a scommettere che Stefan de Vrij crescerà moltissimo . Sicuramente sotto il profilo del rendimento. Dite che Godin o Skriniar offrono più garanzie? Sarà, ma l’olandese è l’unico del reparto ad aver già giocato nella difesa a tre. Con risultati proficui tra Feyenoord e Lazio.

Fantacalcio la top 5 dei difensori da comprare nella vostra squadra

3: KOLAROV (Roma, 23 Magic milioni) Se pensi a un difensore goleador in Serie A, il nome di Aleksandar Kolarov salta subito alla mente. Gli 8 gol del 2018-19 non saranno facili da ripetere. Ma suo bottino di bonus il serbo lo garantisce sempre. Peccato per qualche cartellino di troppo e una media voto non sempre esaltante. Con l’arrivo di Spinazzola alla Roma e l’avanzare degli anni, poi, può anche essere che cali il numero delle presenze.

4: DE LIGT (Juventus, 22 Magic milioni) Il precampionato non è stato di certo esaltante, ma non facciamoci condizionare troppo. Stiamo parlando di un difensore giovane e fenomenale, che ha anche un certo feeling col gol. E tra Matthijs de Ligt, Bonucci, Chiellini e Demiral, sembra proprio l’olandese quello destinato a giocare di più alla Juve. Per energia e conformità alle idee di Sarri.

5: IZZO (Torino, 18 Magic milioni) Lo ammettiamo, scegliere 5 difensori è dura e abbiamo lasciato fuori dalla lista dei signori nomi. Ma nella nostra selezione abbiamo puntato tanto sulla solidità. Ecco con Mazzarri in panchina, Armando Izzo ha dimostrato di essere un’autentica manna al fantacalcio, per sicurezza e bonus. E i due gol già segnati nelle qualificazioni all’Europa League ci fanno pensare che il 2019-20 non si discosterà molto dall’anno prima. Non sarà un nome da grido, ma ci fidiamo di lui.

Maroni, quando il talento non basta per convincerci al fantacalcio

Il nuovo trequartista della Samp ha classe, ma fatica in zona gol. E non sembra a suo agio nel sistema di Di Francesco.

Se sei nato a Cordoba, Argentina, i primi calci seri a un pallone li hai dati all’Instituto e arrivi nella Serie A italiana, o ti chiami Paulo Dybala o desti gioco forza curiosità. Anche al fantacalcio. Gonzalo Maroni ha infatti la Joya come idolo e amico e spera di imitarne le gesta. Ora che la Sampdoria gli ha dato la prima, grande chance in Europa. A 20 anni sa che il confine tra diventare grande e perdersi è più sottile di quanto si possa pensare.

Maroni ha il talento dalla sua, cristallino, ma tanti suoi connazionali prima di lui hanno fallito pur avendo caratteristiche simili, da trequartista tutto estro e poca fisicità. Questione anche di testa ed esperienza. Maroni è stato fatto debuttare da giovanissimo al Boca Juniors, prima di andare a fare la gavetta al Talleres. Dove ha trovato più spazio, ma non si è imposto come si immaginavano i critici argentini.

Perché prenderlo al fantacalcio

Se siete innamorati delle giocate di classe, dribbling e tocchi di suola, Maroni può essere una forte tentazione. E vista l’età, una bella scommessa per il futuro nelle leghe private con le conferme gratuite dei giovani. Non ha il posto da titolare assicurato, ma all’asta potete sperare di non pagarlo caro. A meno che non abbiate qualche amico con i parenti in Argentina o la fissa per l’asado. In più, se non usate i trequartisti, Maroni sarà considerato centrocampista e non attaccante.

Inter in cinque pronti a salutare un tesoretto da 130 milioni