Europee 2019 ecco cosa faranno Salvini e Di Maio dopo il voto – I due dioscuri stanno facendo un bel casino

Europee 2019 ecco cosa faranno Salvini e Di Maio dopo il voto

Gli scandali di questi giorni scuotono la vita politica del Paese. Ingarbugliando, in questo modo ancora di più il dibattito tra i partiti e provocando lo sconcerto degli osservatori e dei media. I quali faticano a capire quali prospettive si delineano sul futuro immediato del Paese. Non si tratta di sapere chi vince e chi perde nel duello tra i nemici-alleati che in questo momento governano il nostro sventurato Paese. Quello che interessa è sapere che cosa succederà a seguito di tutto il casino messo in piedi, per motivi elettorali, dai dioscuri Salvini e Di Maio.

Conte pensa che dopo le europee si tornerà ad attuare il programma del Governo. Ma non sarà così…

Le elezioni europee ormai sono prossime e secondo il premier Conte, con esse finiranno le polemiche di questi giorni. Così, si penserà finalmente a portare avanti il programma di Governo procedendo “d’amore e d’accordo” per migliorare le condizioni degli italiani. Il fatto è che le elezioni europee non sposteranno gli equilibri interni. Infatti la rappresentanza parlamentare rimarrà quella uscita dalle elezioni del marzo 2018. Inoltre, la “conta” che verrà fuori dalle elezioni europee servirà, seppure servirà, a Salvini per aumentare il proprio peso politico nei confronti del M5S. Ma i numeri in Parlamento continueranno ad essere gli stessi e, come sta succedendo per il caso Siri, Salvini potrà fare la voce grossa ma alla fine visto che Conte si sta schierando apertamente con i 5 Stelle dovrà, come si dice a Roma, abbozzare.

Europee 2019 ecco cosa faranno Salvini e Di Maio dopo il voto – Tra voglia di proseguire insieme e interessi di partito

Sono in ballo scelte fondamentali che incideranno sul futuro del Paese. La situazione economica è a dir poco precaria, le stime della Commissione Europea sulla crescita, sul debito pubblico e sull’occupazione sono impietose. Non ingenerose, come afferma l’ineffabile Premier Conte, e quindi si dovrà operare per invertire la tendenza. E mettere, così, in campo provvedimenti che al momento vedono su posizioni opposte i duellanti Salvini e Di Maio. Quali saranno le scelte che verranno adottate visto che sono inconciliabili? La volontà di proseguire insieme nell’esperienza di governo sarà condizionata dai numeri in Parlamento a favore del M5S? O Salvini continuerà a portare avanti gli interessi della Lega utilizzando i voti dei parlamentari 5 Stelle?

Sarà interessante capire come il Governo affronterà l’attuale crisi economica

Questi sono gli interogativi che dovrebbero interessare l’opinione pubblica, in questi giorni caotici della politica italiana. Ancora di più sarà interessante sapere dove prenderanno i soldi per coprire non più solo reddito di cittadinanza e quota 100 ma anche quelli per scongiurare l’aumento dell’IVA e coprire i buchi di bilancio che si vanno registrando per l’alto livello dello spread e per altre poste su cui si continua a spendere senza avere le coperture. Dopo le elezioni questi nodi andranno sciolti senza possibilità di rinvio, come si sta facendo adesso e finirà il tempo delle “cazzate” sparate quotidianamente dai nostri governanti che riscuotono ampio consenso nella popolazione.

La Lega si è presa i voti degli antieuropeisti. Ma ora è diventata europeista convinta

A proposito poi di Europa registriamo che c’è ancora chi pensa che i nostri guai sono dovuti al fatto che ne facciamo parte perchè, dicono, stavamo meglio con l’inflazione al 15%. E’ talmente un’idiozia che anche Lega e 5 Stelle, i quali in campagna elettorale avevano cavalcato questa posizione, hanno smesso di dirlo e sono diventati europeisti convinti dopo aver raccattato voti dagli elettori più sprovveduti.

DI MAIO HA VOTATO IL PROGRAMMA DI GOVERNO CON SALVINI. MA NON LO HA LETTO

Mario Balzano