ESCLUSIVA – Juventus “Sarri si è liberato dal Chelsea Anche Guardiola ha salutato il Manchester City”

ESCLUSIVA – Juventus “Sarri si è liberato dal Chelsea Anche Guardiola ha salutato il Manchester City”

In casa Juventus sono ore caldissime, anzi sarebbe meglio definirle bollenti. Si, perché il countdown per conoscere il nome del nuovo allenatore è partito, e non sembra nemmeno mancare molto al fatidico annuncio. “Aspettiamo la fine di tutte le competizioni europee”, aveva sentenziato Paratici qualche giorno fa. Ebbene ci siamo. Stasera andrà in scena l’ultimo atto della Champions League, che vedrà confrontarsi Liverpool e Tottenham. Questa partita sarà decisiva per il futuro della panchina bianconera? Solo in parte. Più, che altro, dipende dal destino di Mauricio Pochettino. Meglio, è legato a doppio filo.

Pochettino lascerebbe il Tottenham solo per trasferirsi al Manchester City

Se l’argentino dovesse lasciare gli ‘Spurs’, infatti, sarebbe solo per accomodarsi sulla ben più ricca panchina dei biancocelesti di Manchester. Dove raccoglierebbe la pesantissima eredità di Pep Guardiola. Ecco, dunque, che si innescherebbe quel domino di allenatori, che sarebbe tanto utile alla strategia profilata da Agnelli, Paratici e Nedved. Dunque, ad oggi, non rimane l’attesa di capire cosa accadrà. I tifosi della Juventus possono star tranquilli e godersi la partita senza ansie per il risultato. Se Pochettino deciderà di lasciare o meno il Tottenham non dipenderà dall’esito del match di questa sera. Il tecnico non parla ma, ci dice una fonte d’oltremanica, dietro il possibile addio o la permanenza sussistono motivazioni che vanno oltre il terreno di gioco.

ESCLUSIVA – Juventus “Sarri si è liberato dal Chelsea Anche Guardiola ha salutato il Manchester City”

L’argentino, così ci dicono, è uomo a cui piace mettersi in discussione, sempre e comunque. L’aria di Londra gli piace, ma odia stare troppo fermo nello stesso posto. Perde motivazioni. Ecco perché, comunque vada, potrebbe decidere di salutare e sedersi su una panchina dove, senza alcun dubbio, gli si chiederebbe di ripetere l’impresa di quest’anno. E a lui le sfide piacciono da morire. Il Tottenham è vista come una comfort zone dalla quale fuggire, meglio da vincente, ovviamente. D’altro canto, dov’è ora potrebbe chiedere alla proprietà di alzare l’asticella, e, con un mercato all’altezza giocare al Davide contro Golia per puntare alla Premier. Anche questa, in fondo, sarebbe una sfida niente male. Perciò, dicevamo, cosa frulla nella testa di Pochettino lo sa solo lui e, al momento, non vuole confidarsi con nessuno.

Sarri si è liberato per andare alla Juventus? Più che altro, per sbararazzarsi del Chelsea

La notizia secondo cui Sarri avrebbe trovato un accordo per strappare il contratto col Chelsea, ha fatto vacillare le certezze dei tifosi che vorrebbero Guardiola alla Juventus. E’ una prova, quella definitiva, che i bianconeri hanno scelto l’ex Napoli? La fonte a cui abbiamo fatto riferimento finora ci dice che era tutto preventivato. Sarri non si è liberato dal Chelsea per la Juve, si è liberato dall’ambiente dei ‘Blues’. Troppi litigi interni e l’amore mai sbocciato con i tifosi, hanno fatto scemare la sua voglia di rimanere in quella parte di Londra. Poi, parliamoci chiaro, che il tecnico partenopeo risponderebbe presente ad un eventuale chiamata da Torino è fuori di dubbio.

ESCLUSIVA – Juventus “Sarri si è liberato dal Chelsea Anche Guardiola ha salutato il Manchester City”

Il problema, però, è proprio questo: la tanto desiderata chiamata non è arrivata. E non è arrivata, perché, lo ripeteremo fino allo sfinimento, non è lui la prima scelta della Juventus. A Sarri, però, questo non interessa. E’ pronto ad aspettare, almeno fino a martedì prossimo, dopodiché valuterà altre strade. E per lui le pretendenti non mancano. La Roma è sempre vigile, ma il deludente campionato di quest’anno ha indebolito le casse giallorosse, che dovranno vendere i big e puntare sui giovani. Difficile che il fresco vincitore dell’Europa League decida di ripartire da questi presupposti, insomma. Lo stesso discorso vale per il Milan, che pure aveva cercato un contatto in passato, anche se ora sembra decisamente intenzionato a puntare su Simone Inzaghi. L’ipotesi più probabile, secondo la nostra fonte, è che Sarri rimanga a Londra, ma sponda Tottenham, dove prenderebbe il posto di Pochettino in caso di un suo addio. Lì potrebbe davvero puntare alla vittoria della Champions, che è il suo vero obiettivo, come dichiarato qualche giorno fa.

Guardiola alla Juventus? Pagano Adidas e Maserati

Ma arriviamo a Guardiola. Come vi avevamo anticipato, due giorni fa il tecnico spagnolo ha parlato con la dirigenza del Manchester City. E’ molto attratto dalle sirene della Juventus e vorrebbe abbracciarne il progetto, ma non a tutti costi. Agnelli ha proposto una cifra molto allettante per pagare un indennizzo e liberarlo. I soldi, come ci ha spiegato la nostra fonte, arrivano da Adidas e Maserati. La novità della giornata di ieri è, però, un’altra e cioè che, per la prima volta dall’inizio della trattativa, Pep si sarebbe esposto per lasciare l’Inghilterra.

Ieri Guardiola ha salutato i dirigenti del Manchester City

Stando alle parole del nostro insider, in un colloquio avuto ieri con i dirigenti del club inglese, avrebbe insistito (e molto) affinché l’offerta bianconera fosse accettata. Una mossa azzardata? Forse, ma fatto sta che ieri Pep ha detto di essere pronto a salutare tutti e trasferirsi in Italia. Non vuole perdere l’occasione di iniziare una nuova avventura. Ama l’Italia, conosce bene la lingua e allenare i bianconeri, per lui, sarebbe un sogno. Il nostro insider, insomma, ci riferisce di come Guardiola abbia messo alle strette il Manchester City: devono decidere cosa fare. Il club inglese, da parte sua, ha replicato quanto già detto: o arriva Pochettino o rimane lui. A questo punto la matassa è tutta lì: rischiare lo strappo per inseguire un sogno o rimanere ‘fedeli’? Agnelli, per ora, aspetta l’evolversi degli eventi.

Il Calciomante