Cesare Cremonini incanta San Siro e duetta virtualmente con Lucio Dalla

Cesare Cremonini incanta San Siro e duetta virtualmente con Lucio Dalla

da lastampa.it

Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti. Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti.

Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti. Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente.

Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti. Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti.

Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente per i 56mila presenti. Quindi, Cesare Cremonini arriva sul palco con indosso un chiodo e i pantaloni metallizzati. Anticipato, poi, da una frase che rimbomba nel catino dello stadio Meazza di San Siro. Trasformato, inoltre, dal caldo in una pentola bollente.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SU LASTAMPA.IT

“CIAO DARWIN” PARLA GABRIELE MARCHETTI RIMASTO TETRAPLEGICO “PAOLO BONOLIS NON MI HA MAI CERCATO”