Bianca Guaccero e Jonathan appello a Detto Fatto “Non è una cosa bella”

Bianca Guaccero e Jonathan appello a Detto Fatto “Non è una cosa bella”

da lanostratv.it

Bianca Guaccero anche ieri sul profilo Instagram di Detto Fatto è stata in diretta con Pronto Detto Fatto e tra i vari tutor ha ospitato Jonathan Kashanian. Lo stilista è tornato di nuovo a parlare del suo ‘ammiratore segreto’ che poche ore fa gli ha inviato di nuovo altri regali come libri e fiori sempre in maniera anonima. E per questo motivo Bianca Guaccero ha voluto lanciare un appello allo sconosciuto fan. Io faccio un appello pubblico, caro sconosciuto io ti invito a farti avanti ed a svelare la tua identità. Dico una cosa seria questa cosa fa un po’ paura. Non è una cosa bella fare regali in maniera anonima, sa dove abiti, ci possiamo anche spaventare”.

“Lo scherzo è bello quando dura poco”

Jonathan già nella puntata di mercoledì di Pronto Detto Fatto aveva svelato questo retroscena, che vede coinvolta anche Barbara D’Urso anche lei destinataria degli stessi libri. Sono diversi giorni infatti che lo stilista riceve regali e biglietti da uno sconosciuto. Su tutto questo mistero Bianca Guaccero ha ammesso di essere spaventata. Anche se in realtà potrebbe essere uno scherzo ed alla fine ha specificato: “Probabilmente tu così gli fai pubblicità. Qui c’è premeditazione, non fa cose a caso ma, lo scherzo è bello quando dura poco, dopo fa paura”. Insomma sicuramente Jonathan Kashanian nei prossimi giorni svelerà altri dettagli sul misterioso mandante dei regali.

Salta il collegamento con Jo Squillo

Durante la puntata di Detto Fatto di oggi su instagram tra i vari ospiti di Bianca Guaccero oltre a Jonathan Kashanian sarebbe dovuta intervenire anche Jo Squillo. Ma purtroppo per problemi con il collegamento la cantante è intervenuta solo alla fine della diretta e per pochi minuti. Nella scorsa puntata inoltre è stato ospite Costantino Della Gherardesca che ha svelato un aneddoto su Enzo Miccio.

PECHINO EXPRESS COSTANTINO DA BIANCA GUACCERO “MICCIO NON CAPIVA”